Bavarese estiva al cocco e cioccolato fondente

Bavarese estiva al cocco e cioccolato fondente

Bavarese estiva al cocco e cioccolato fondente

Recipe by I Buoni Sani
Porzioni

4/5

porzioni

Una bavarese decisamente estiva, anzi sarebbe meglio dire “tropicale”, dove il dolce del cocco e l’amaro del cioccolato si completano e si esaltano a vicenda… mi raccomando, da non fare tutti i giorni!

Ingredienti

  • 800 ml. latte di cocco

  • 200 ml. latte di soia/avena

  • 1 pz sale marino integrale

  • 2 c agar agar in polvere

  • 250 g. malto di riso

  • 3 C cocco in scaglie

  • 3 C kuzu

  • 50 g. cioccolato fondente

  • cioccolato fuso e cocco in scaglie per servire

Procedimento

  • In una pentola unite il latte di cocco con il sale, l’agar agar e il malto.
  • Mescolate bene con una frusta, mettete sul fuoco, portate a bollore e fate sobbollire per 4 o 5 minuti.
  • Aggiungete il cocco in scaglie e il kuzu diluito nel latte di soia/avena.
  • Fate sobbollire ancora qualche minuto, quindi togliete dal fuoco e lasciate intiepidire leggermente.
  • Nel frattempo tagliate il cioccolato al coltello e quando la base della bavarese non sarà più troppo calda, ma non ancora rappresa, aggiungete il cioccolato e mescolate velocemente, in modo che si sciolga un po’ ma non del tutto.
  • Versate negli stampini e fate raffreddare.

Note

  • Potete servire la vostra bavarese accompagnata da una crema a base di cioccolato fuso a bagnomaria con un goccio di latte vegetale e una spolverata di cocco in scaglie. Naturalmente si presta anche a diventare la farcitura per una crostata estiva o una cheesecake!

Torta cioccoarancia

Torta cioccoarancia

Torta cioccoarancia

Recipe by I Buoni Sani

Cioccolato e arancia sono da sempre un abbinamento vincente e anche questa torta ne è la conferma… provare per credere!

Ingredienti

  • 3 T farina 1

  • 1/2 T cacao amaro in polvere

  • 1 pz sale marino integrale

  • 1 bustina polvere lievitante per dolci

  • 1/2 T olio di girasole alto oleico

  • 1/2 T malto di riso

  • 1/2 T sciroppo d’acero

  • 1 T succo di arancia

  • 1/2 T latte di soia o avena

  • 200 ml. succo di mela

  • 100 ml. succo di arancia

  • scorza di 1 arancia

  • 1 c agar agar

  • 1 C mirin

  • 100 g. cioccolato fondente

  • latte di soia q.b.

  • granella di pistacchi e fette di arance disidratate per decorare

Procedimento

  • In una ciotola unite la farina e il cacao setacciandoli con un colino, quindi aggiungete il sale e la polvere lievitante.
  • A parte emulsionate il malto, l’acero, l’olio, il latte e il succo di arancia.
  • Aggiungete i liquidi ai secchi e mescolate bene con l’aiuto di una frusta, versate il composto in uno stampo a cerniera oliato e infarinato oppure ricoperto con carta da forno e infornate a 160°C per 25 minuti, quindi alzate a 175° senza aprire il forno e fate cuocere per altri 25 minuti.
  • A questo punto provate la cottura infilando uno stecchino nella torta in più punti: se esce asciutto, lasciate la torta in forno per altri 3 minuti a 180°C, se invece è ancora umido, proseguite la cottura a 175°C per altri 10 minuti e poi controllate di nuovo. Quando la torta è pronta, toglietela dal forno, trasferitela su una gratella e lasciatela raffreddare.
  • Nel frattempo preparare la salsa all’arancia mettendo in un pentolino il succo di mela, il sale e l’agar agar, mescolate con una frusta, accendete il gas e portate a bollore.
  • Fate sobbollire per qualche minuto, quindi aggiungete il succo e la scorza d’arancia e il mirin, fate raffreddare e quando sarà solidificato, frullatelo in modo da ottenere un composto cremoso. Se fosse troppo denso, aggiungete un goccio di succo di mela o di arancia.
  • Quando la torta è fredda, tagliatela a metà, farcitela con la crema e poi ricopritela con il cioccolato fondente sciolto a bagnomaria con un goccio di latte vegetale, aiutandovi con una spatola.
  • Decorate la superficie con della granella di pistacchi e delle fette d’arancia essiccate e fate raffreddare bene, volendo anche in frigorifero. Tirate fuori la torta dal frigorifero un po’ prima di servirla.