La pressione bassa è un problema che può avere cause yin e yang. In genere è sempre presente una componente yin legata al fatto che i vasi sanguigni si indeboliscono e perdono elasticità (perdita di forma) e quindi non hanno più la capacità di spingere il sangue con forza sufficiente. Spesso però interviene anche una componente yang perché i vasi sanguigni possono essere troppo contratti e induriti e quindi, di nuovo, non riescono a svolgere la loro funzione di pompare il sangue.

In genere quando il problema della pressione bassa si presenta in estate è più legato a fattori yin. Ecco quindi alcune raccomandazioni:

  • Basare la dieta su cereali, verdure, legumi, condimenti di buona qualità, frutta e semi oleosi, un po’ di frutta e dolci di qualità, un po’ di cibi fermentati
  • Ridurre il consumo di cibi yin che dilatano e indeboliscono, in particolare
    • Alcool (anche il famoso bicchiere di vino rosso a pasto)
    • Zuccheri che non siano malto di riso
    • Cibi di origine tropicale come caffè, cacao, spezie, frutta tropicale
    • Solanacee (pomodori, melanzane, peperoni, patate)
    • Latticini non salati, soprattutto yogurt e gelati
    • Bevande vegetali perché spesso arricchite con olio a crudo
    • Prodotti raffinati in genere
  • Introdurre nella dieta alimenti yang di buona qualità, in particolare
    • Usare olio e sale in cottura (non è importante la quantità, ma la presenza, perché l’olio amplifica l’effetto della fiamma e con il sale crea equilibrio)
    • Aumentare il consumo di condimenti forti ed equilibrati come miso, shoyu o tamari, gomasio, tekka
    • Usare le doppie cotture (verdure saltate, crocchette, tortini, ecc.) e ogni tanto usare anche la frittura in tempura
    • Per chi mangia cibo animale, usare un po’ più di pesce azzurro, ad esempio qualche acciuga nel soffritto con le verdure
    • Un ottimo snack sono i semi oleosi saltati con sale, shoyu o acidulato di umeboshi
  • Consumare alimenti ricchi di sali minerali che conferiscono elasticità, ad esempio le alghe (un ottimo snack sono i fogli di alga nori tostati, che oltre a essere molto utili per i problemi di pressione bassa in estate sono particolarmente benefiche per la microcircolazione e sono ricchissime di potassio, molto più delle banane (la dose consigliata è anche un foglio al giorno);
  • Se non dà fastidio a livello di digestione, introdurre un po’ più di seitan;
  • Sebbene la stagione calda inviti a consumare cibi freschi, ridurre il consumo di cibo crudo, soprattutto olio di oliva a crudo e frutta cruda, eventualmente meglio prediligere la verdura;
  • Fare attività fisica regolare e moderata;
  • Dedicare il giusto tempo al riposo.

Esistono poi dei rimedi di pronto soccorso che possono aiutare nei momenti in cui si percepisce un calo della pressione:

  • Masticare a lungo un cucchiaino di gomasio (potete tenerlo in borsa in uno di quei mini vasetti di vetro che si trovano negli alberghi con le marmellate);
  • Usare il rimedio kuzu-tekka (sciogliere in una tazza di acqua 1 c di kuzu, aggiungere un po’ di tekka e mettere sul fuoco finché il liquido non si sarà addensato);
  • Usare il rimedio shoyu-bancha (mettere 1 c di shoyu in una tazza e versare sopra del tè bancha/kukicha caldo o tiepido).