Condimenti già pronti? No, grazie

condimenti già pronti

Spesso il condimento è quella cosa che riesce a risollevare le sorti di un piatto, come dico spesso ai corsi di cucina… a resuscitarlo, e mai come in questo periodo di feste i condimenti abbondano sulle nostre tavole! Tante volte però, vuoi per comodità, vuoi per mancanza di tempo, vuoi per abitudine o per pigrizia, si ricorre a condimenti già pronti, sicuramente super saporiti e golosi, ma altrettanto sicuramente di scarsa qualità.

In genere, infatti, risultano così buoni e irresistibili perché pieni di zucchero, sale e grassi quando va bene, per non parlare di sostanze chimiche come coloranti, stabilizzanti, emulsionanti, conservanti, aromi artificiali, esaltatori di sapidità, sostanze in genere dai nomi lunghissimi e impronunciabili che ben poco hanno a che fare con il cibo!

In realtà, però, basta poco per non cadere nella trappola dei condimenti già pronti. Siccome in genere i condimenti servono per arricchire un piatto, una buona base di partenza sono le creme di frutta secca (mandorle, nocciole, arachidi, pistacchi, ecc.) ottenute però semplicemente frullando la frutta secca, senza aggiunta di altro, che potete poi caratterizzare con l’aggiunta di altri ingredienti.

Visto che in questi giorni magari avete più tempo per dedicarvi alla cucina, vi lascio alcune ricettine per condimenti super veloci e super semplici che potete preparare a rotazione e tenere in frigorifero pronti all’uso, ad esempio conservandoli in vecchi vasetti della marmellata. Vien da sé che le proporzioni possono variare leggermente in base al vostro gusto!

L’EQUILIBRATA (salsina ai 4 sapori)

Mescolate in una ciotola 1 C di malto di riso, 1 C di shoyu/tamari, 1 c di acidulato di riso o succo di limone, 1 c di senape o succo di zenzero ed emulsionate il tutto (se usate acidulato di riso e senape, si conserva più a lungo).

LA SFIZIOSA (tahin-umeboshi)

Mescolate in una ciotola 1 C di tahin e 1 c di purea o acidulato di umeboshi, aggiungete acqua fino a ottenere una consistenza cremosa, ma non troppo densa, ed emulsionate bene. Eventualmente aggiungete del prezzemolo al momento di servire.

LA DELICATA (mandorle-shiro miso)

Mescolate in una ciotola 1 C di crema di mandorle chiara e 1 C di shiro miso o miso bianco, aggiungete acqua fino a ottenere una consistenza cremosa, ma non troppo densa, ed emulsionate bene. 

LA SAPORITA (miso-tahin)

Mescolate in una ciotola 1 C di tahin e 1 C di miso di riso o d’orzo, aggiungete acqua fino a ottenere una consistenza cremosa, ma non troppo densa, ed emulsionate bene.

LA DECISA (mandorle-tamari-aceto balsamico)

Mescolate in una ciotola 1 C di crema di mandorle chiara, 1 c di tamari e 1 c di aceto balsamico (mi raccomando senza coloranti e caramello…vi assicuro che esiste!), mescolate bene e aggiungete acqua fino a ottenere una bella consistenza cremosa.

Non possiamo concludere il nostro viaggio nel mondo delle salsine senza citare due grandi classici: maionese e ketchup!

MAIONESE

Prendete un contenitore alto e stretto e versate 100 ml di latte di soia (o yogurt di soia o panna di soia o latte di mandorle, facendo attenzione che la percentuale di soia o mandorle sia almeno del 7%), 1 c di sale, 1 tappino di acidulato di riso e 1 c di senape. Iniziate a frullare il composto con il minipimer in modo da inglobare aria e nel frattempo versate l’olio di girasole a filo finché non avrete ottenuto la consistenza desiderata. Fate riposare la maionese in frigorifero. Naturalmente potete poi aromatizzare la ricetta base per creare tante maionesi dai gusti e colori diversi aggiungendo al composto base basilico, zafferano, curry, barbabietole, carote, curcuma, menta o quello che la fantasia vi suggerisce!

KETCHUP

Versate in una padella 4 C di olio evo, fatelo scaldare leggermente e poi aggiungete 1 pezzetto di zenzero sbucciato e tritato, ½ cipolla a dadini e 1 carota a dadini, condite con un pizzico di sale e fate saltare per qualche minuto. Ora coprite con acqua e lasciate stufare finché le verdure saranno belle morbide. A questo punto togliete la pentola dal fuoco e lasciate raffreddare il tutto. Quando il composto è freddo, trasferitelo in un frullatore, aggiungete 2 C di passata di pomodoro, 1 C di acidulato di umeboshi, 2 C di acidulato di riso, 2 C di malto di riso, 2 barbabietole cotte tagliate a cubetti (aggiungetene pochi per volta) e iniziate a frullare fino a ottenere una crema omogenea. Infine, se necessario, regolate il sapore con sale e pepe.