fbpx

Siccome mi sono arrivate tante richieste di approfondimento, continuiamo il nostro viaggio tra i meridiani dei vari organi e il loro effetto su tanti aspetti della nostra vita quotidiana.

Oggi parleremo di polmoni e intestino crasso, due organi di eliminazione che appartengono all’energia metallo, un’energia profonda, di chiusura, “invernale”.

I polmoni hanno il loro picco di energia tra le 3 e le 5 del mattino, quindi idealmente sarebbe l’ora giusta per:

  • Alzarsi e respirare aria fresca, magari facendo esercizi che coinvolgono la respirazione (non è un caso che chi medita spesso si alzi proprio alle 5 del mattino)
  • Praticare yoga o altri esercizi “energetici” come il tai chi o il chi kung.

Il vantaggio dell’ora legale è che le lancette dell’orologio si spostano in avanti di un’ora e quindi il periodo di massima energia si sposta tra le 4 e le 6, rendendo meno faticoso il risveglio.

A volte la mattina presto è anche il momento in cui possono presentarsi fenomeni come la tosse o altri disturbi legati alla gola, perché l’energia del fegato, che controlla la gola, comunica con quella dei polmoni.

Il momento in cui l’energia dei polmoni è al minimo coincide con l’intervallo tra le 15 e le 17, ma non è legato a particolari manifestazioni.

Passiamo ora all’intestino crasso, che ha il suo momento di massima energia tra le 5 e le 7 del mattino.

Questo sarebbe il momento ideale per eliminare i rifiuti che, durante la notte, si sono accumulati negli organi di eliminazione, soprattutto intestino e vescica, in modo da iniziare la giornata pieni di nuova energia. Da qui l’importanza di scaricarsi regolarmente e con feci ben formate (non dimentichiamo che le feci sono un segnale molto importante per valutare la nostra salute e pensate che per i bambini esiste addirittura la cosiddetta “diagnosi del pannolino”, in base alla quale possiamo trarre importanti indicazioni sul loro stato di salute in generale).

Nel caso in cui l’intestino sia un po’ pigro, possiamo aiutarlo con alcuni semplici rimedi:

  • Seguire una dieta a base di cereali integrali, verdure e legumi, in modo da garantire il giusto apporto di fibre
  • Masticare a lungo il cibo
  • Eventualmente aiutarsi con l’impiego di piatti o rimedi specifici
  • Fare regolare attività fisica

L’orario in cui l’energia dell’intestino crasso è al minimo coincide con l’intervallo tra le 17 e le 19, momento ideale per fare attività fisica, soprattutto camminare, e stimolare così la funzionalità intestinale.

it_ITItaliano