Frizioni della pelle: pratica semplice, economica, benefici!

Indice dei contenuti
frizioni della pelle

Come abbiamo ripetuto più volte, la pelle è un organo di eliminazione, il più grande che abbiamo, tanto che in Oriente viene chiamata “il terzo rene”, e le frizioni o strofinamenti della pelle (body rub in inglese, da non confondere con lo scrub) sono una pratica molto efficace per aiutare il corpo a espellere eccessi e rilasciare ristagni, facilitando il processo di rigenerazione e cambiamento.

In Giappone esiste un vero e proprio culto per i rituali di bellezza e ci sono tantissimi tipi di spazzolatura del corpo a seconda del risultato che vogliamo ottenere.

Le frizioni: tutti i benefici per iniziare al meglio la nostra giornata

Tra questi, le frizioni offrono notevoli benefici, oltre ad essere estremamente pratiche (si possono fare comodamente a casa) ed economiche (bastano un catino, un po’ d’acqua calda e una salvietta tipo ospite). Io ormai le faccio tutte le mattine da diversi anni e sono una pratica irrinunciabile, una vera e propria sferzata di energia che mi dà la giusta carica per iniziare la giornata.

In questo caso, il risultato che vogliamo ottenere è un aiuto per sciogliere ristagni e aiutare la pelle nella sua funzione di eliminazione e quindi scegliamo l’opzione calde e umide.

Come si fanno le frizioni:

– prendete un catino e riempitelo con dell’acqua (dovrebbe essere il più calda possibile, senza scottare), non usate acqua corrente e non fatele sotto la doccia

– immergete e strizzate bene l’asciugamano, piegatelo in quattro in modo che abbia un po’ di spessore e usatelo per massaggiare tutto il corpo con ordine

– partite dalla testa (potete strofinare anche il cuoio capelluto) e scendete fino al collo insistendo bene anche sulle orecchie

– poi insistete a lungo sulle dita delle mani (sopra, sotto, tra un dito e l’altro) e successivamente salite e scendete lungo le braccia, senza dimenticare le ascelle

– poi è la volta della parte anteriore del busto fino all’inguine e della parte posteriore fino ai glutei compresi

– infine insistete a lungo sulle dita dei piedi (sopra, sotto e tra un dito e l’altro, ma anche sulla pianta del piede dove parte il meridiano dei reni) per poi salire lungo la parte interna della gamba e scendere lungo l’esterno

– è importante che la salvietta sia sempre calda, quindi bagnatela e strizzatela ripetutamente

– le dita dei piedi, le caviglie, le dita delle mani, i polsi, il collo e le orecchie sono punti su cui soffermarsi più a lungo perché corrispondono a dei punti importanti dei meridiani

Versione rapida:

– se una mattina siete di fretta, potete optare per la versione “rapida”: testa, orecchie e collo, mani e braccia fino ai gomiti, piedi e gambe fino alle ginocchia

– se le fate correttamente, dopo qualche tempo al passaggio della salvietta la pelle tenderà ad arrossarsi

Benefici:

– grazie al calore aiutano l’apertura dei pori e quindi il processo di eliminazione

– stimolano i meridiani e quindi la nostra struttura energetica

– aiutano a sciogliere il grasso sottocutaneo, la cui presenza è spesso legata a problemi di pelle e di ristagno

– stimolano il sistema linfatico (la nostra linfa è una sostanza piuttosto grassa che tende a stagnare) che fa parte del sistema immunitario

– se la pelle lavora meglio, alleggeriamo il lavoro dei reni

– stimolano la circolazione venosa

Provare per credere… aspetto i vostri feedback! Buone frizioni a tutti!

Entra in contatto con Laura per una consulenza professionale e personalizzata

Se volete saperne di più, se avete dubbi o domande o se vi interessa una consulenza individuale potete contattarmi scrivendo a info@ibuonisani.itoppure chiamando il 329_6915419

Vuoi caricare più post?

Share On
it_ITItaliano